Perché martedì ha piovuto di nuovo

(per M.L.C.)

Tante notti vorrei che il treno non arrivasse mai, a scivolare
tra quei
credibili

portici come una chiave, non perché sia calore e conforto
là dentro
perché

spesso non è così ma perché è in movimento, perché tuona
nella
sua

viscerale attrizione a schiantare le leggi d’inerzia e che bella fortuna
per
me

esser salito, una volta tanto non muto, né ansioso né colmo di dubbi sul mezzo
o anche
la

destinazione e su quel che riporta l’orario ma ad ali spiegate e
travolto
dalla

fiducia che questa è la volta, la volta che ci arriveremo, la volta che
conoscerò
tutti

 i nomi delle stazioni mentre passiamo, e che la pioggia di fuori e le strade
nere
piene

 di lunghi accusanti interrogatori di luce saranno soltanto paesaggio e

nulla
avranno

a che fare con me.

 

____________________

By Wendell Ricketts (leggetela in inglese)
Versione italiana di Isabella Zani.

Advertisements

Posted on 6 February 2006, in Translation ... sometimes it is a beautiful thing...., Write ... che ti passa. Bookmark the permalink. Leave a comment.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: